Skip to content

Azioni o progetti da attuare nella quotidianità

  1. Quante volte il tuo PC è acceso ma non utilizzato da nessuno? per quanto tempo?
    Lasciare un PC acceso senza utilizzarlo comporta inevitabilmente uno spreco di energia non indifferente.  Se devi lasciare acceso il tuo computer imposta uno screensaver nero.  Se tutti i PC avessero uno screensaver nero, quanta corrente risparmieremmo?
    Molti PC e telefoni cellulari di ultima generazione offrono infatti modalità per il risparmio energetico con, ad esempio, la disattivazione del monitor o la diminuzione automatica della luminosità del display; purtroppo sono pochissimi gli utenti che utilizzano questo metodo.


  2. La raccolta differenziata.  E’ d’obbligo parlare della raccolta differenziata facendo una premessa:  “In natura il concetto di rifiuto   non esiste: tutto ciò che viene scartato, se ha caratteristiche naturali, viene assorbito dall’ambiente e rimesso in circolo; questa è la lezione che dobbiamo imparare dalla natura: produrre oggetti e beni che possano essere assorbiti dall’ambiente una volta terminato il loro utilizzo.
    La raccolta differenziata è il modo più sostenibile per smaltire i nostri rifiuti; essa si divide in:
    -Raccolta differenziata plastica
    -Raccolta differenziata carta
    -Raccolta differenziata vetro
    -Raccolta differenziata verde (ramaglie)
    -Raccolta differenziata  alluminio
    -Raccolta differenziata frigoriferi
    -Raccolta differenziata olio minerale
    -Raccolta differenziata  pneumaticiRispettiamo la raccolta differenziata nelle nostre case?

  3.  Nel campo del risparmio dell’energia elettrica troviamo gli impianti fotovoltaici.
    Un impianto fotovoltaico è un impianto che utilizza l’energia solare per produrre energia elettrica.
    I componenti principali di un impianto fotovoltaico collegato alla rete elettrica sono:
    -Il campo fotovoltaico, che permette di immagazzinare energia tramite moduli fotovoltaici;
    -L’Inverter, che consente la stabilizzazione dell’energia raccolta e la converte in corrente alternata pronta ad essere immessa nella rete;  questo tipo di impianti sono incentivati nei Paesi che hanno ratificato il Protocollo di Kyoto.
  4. La batteria è in sostanza un contenitore di energia chimica convertibile in energia elettrica.  La batteria eroga l’energia contenuta al suo interno fino ad esaurimento attraverso un collegamento ad un circuito elettrico.
    Si tratta di un rifiuto molto pericoloso, poichè contiene sostanze altamente inquinanti (per esempio, piombo), che deve perciò essere smaltito correttamente presso gli ecocentri comunali o negli appositi contenitori stradali.

(parte di questo contenuto è stata presa da Educambiente  www.educambiente.tv)

Annunci